PUBBLICU DA HDFASHION / 29 di maghju 2024

Louis Vuitton Cruise 2025: Celebrazione di l'anni 80

Nicolas Ghesquière ci tene nantu à i nostri pedi - cù un intervallu di circa un mese, hà prisentatu duie cullezzione à una volta: prima, Pre-fall 2024, è avà, Cruise 2025. È, devi dì chì e duie cullezzione custituiscenu un una sorta di dittico nantu à u sughjettu di "Nicolas Ghesquière à u so megliu". Inoltre, ripeterebbe una volta di più ciò chì aghju dettu un mese fà nantu à LV pre-fall 2024 - u direttore creativo di Louis Vuitton, chì principia a so seconda dicada in questa pusizioni, vive una vera rinascita. Sala Hypostyle di u Park Güell d'Antoni Gaudi, è i mudelli caminavanu trà e culonne sottu à i bassi archi di mosaicu ondulatu cum'è attraversu una fabulosa furesta incantata. Stu paraguni hè assai più apt chì u mudernu di Gaudi, cum'è sapemu, hè basatu annantu à a fluidità di e forme naturali è in a feroce di i culori naturali.

Ghesquière nomina u primu regista surrealista spagnolu Luis Bunuel, u filmu premiatu 2022 As Bestas di Rodrigo Sorogoyen, è i principali vechji maestri spagnoli - Velazquez, Goya è Zurburan - cum'è i so referenze. Puderemu ancu chì a scelta di u locu per u spettaculu hè stata ugualmente occasionata da a prossima America's Cup in Barcelona, ​​di quale Vuitton hè u sponsor principale.

In più, Ghesquière mintuva Paco Rabanne, è manca di menziunà un altru couturier spagnolu chì ùn hè micca straneru per ellu. Ma mentre i critichi paragunanu i vestiti è e gonne perfettamente dipinti di Ghesquiere cù i tele di Velasquez è Surbaran, circannu d'identificà i pitture adatti per i vestiti, à l'ochju di a nostra mente, vedemu l'esposizione Balenciaga è la pintura española, tenuta in u 2019. à u Museu Naziunale di Thyssen-Bornemisza. Là, accantu à sti stessi Velasquez, Surbaran, è Goya stavanu i vestiti di Balenciaga, cusì chì u spiritu di u grande purista bascu è futurista si stendeva sopra u Park Güell. In generale, l'usu di ogni drappeghju di seta ci permette di cambià i nomi in questa cumpusizioni virtualmente à l'aleatoriu: rimpiazzà Velasquez è Surbaran cù Tizianu è Tintorettu, è Ghesquiere cù Albert Elbaz è avete a stessa gioia di ricunniscenza. Per tutta a so inevitabbilità, tali paraguni ci dicenu pocu di u disignu di moda. Ma s'ellu ci ricurdemu di l'anni 1980, hè quì chì truveremu u veru indice di tutta a cullezzione.

Questa hè a dicada preferita di Ghesquiere, l'epica di a so prima ghjuventù, quandu era appena principiatu in u disignu di moda, è ghjunse à travaglià cum'è assistente di Jean-Paul Gaultier, una di e prime stelle di a moda francese di l'anni 1980. Hè un tempu chì, à ghjudicà da e so cullezzione, hè incisu per sempre in u so core. Fighjendu à tutti questi vestiti di mantellu di ghjinochju, enormi spalle arrotondati, giacche senza cuddaru è altri cù lapels in punta, è ancu i voluminosi giacche di coghju, hè impussibile micca di pensà à quelli sì. Hè ancu impussibule di ùn ricurdà a cullizzioni Balenciaga FW 2012, l'innu di l'80, vistu à traversu l'ochji di Ghesquière.

Ma certi elementi di l'estetica di Ghesquière anu cambiatu cù l'anni. Ci era lace in questa cullizzioni, specificamente lace neru è biancu cum'è un sguardu à a mantilla spagnola. C'eranu pois bianchi è neri, tipici di l'anni 1980, ma quì parenu un sguardu à i vestiti di i ballerini di flamenco. Ma, u più impurtante, u modu stessu di urganizà ogni sguardu hè diventatu più ecletticu: i cappelli di gaucho sò cumminati cù l'occhiali di neve, mentre chì i jumpsuits è e faldes piuttostu strane sò mischiati cù i scarpi ancu più strani chì sò cuparti di frange. Sorprendentemente, stu eccessu decoru deliberatu, cusì caratteristicu di l'estetica attuale di Ghesquiere, stu storicismu eccentricu cumminatu cù u so tecnu-futurismu, ùn crea micca disordine è caosu, ma armunia è bellezza, è assai cuntempuranee per quessa, disposti in u più rinfrescante è micca. - modu clicatu. Ebbè, pudemu dì chì u deci anniversariu di a carriera di Nicolas Ghesquière in Louis Vuitton hè statu celebratu in a manera più adatta.

Courtesy: Louis Vuitton

Testu: Elena Stafyeva