PUBBLICU DA HDFASHION / 2 di marzu di u 2024

Gucci FW24: u trionfo di i clichés

A cullezzione FW24 hè diventata a terza generale è a seconda ready-to-wear cuncepita da Sabato De Sarno, cusì avemu abbastanza per cuncludi se un novu Gucci hè ghjuntu in u so propiu. A risposta hè, no, ùn hà micca - è questu hè digià cumplettamente evidenti. Hè ancu assolutamente chjaru chì s'ellu ci hè qualcosa chì vale a pena discutiri in cunnessione cù a nova cullizzioni, sò i mutivi di sta ineptitude creativa.

Facemu a faccia - ùn ci hè nunda di particularmenti sbagliatu in ciò chì face De Sarno. A cullizzioni hè abbastanza prufessiunale è hà ancu qualchì spunk - seria perfetta per una marca puramente cummerciale chì ùn pretende micca esse formativa à a moda. Se De Sarno s'era unitu à Gucci dopu à Frida Giannini, tuttu questu avissi statu bè, ma hà rimpiazzatu Alessandro Michele, chì hà guidatu una rivoluzione di a moda, hà furmatu a moda cuntempuranea in e categurie chì sò diventate cumune, è hà fattu Gucci in u flagship di sta rivoluzione. Cusì De Sarno hè ghjuntu à Gucci à un puntu altu di a so storia - sì, micca à u piccu assai, ma sempre in una pusizioni forte, è questu era a sfida chì hà fiascatu.

Chì avemu vistu nantu à a pista sta volta? Micro-overalls è micro-shorts, voluminosi giacche di piselli, cappotti, o cardigans, purtati senza fondu - tuttu questu o cù stivali alti o cù e plataforme enormi (chì de Sarno, apparentemente, hà decisu di fà a so propria firma). Micro qualcosa cù grossi pisanti longu mantellu è trench, vestiti slip, cù o senza lace, cù o senza una slit, ma sempre cù i stessi stivali alti. Maglieria è cappotti tagliati cù qualcosa cum'è l'arburetu di Natale brillanti o paillettes brillanti - è questu tinsel scintillante appeso era, pare, l'unica novità di u novu direttore artisticu. Tuttu l'altru in questa cullizzioni si sentia cumplettamente sfocata cù a precedente - è chì hè più impurtante cù assai altri fatti da altre persone.

Dopu dinò, avemu vistu questu tinsel di Natale brillanti parechje volte digià in cullezzione Dries van Noten - ancu nantu à i stessi mantellu grande è longu. Avemu vistu sti stivali alti, ancu cù mutandine simili / mini shorts è cardigans in a legendaria cullizzioni Prada FW09, è questi vestiti slip cù lace cuntrastanti sò vinuti direttamente da e cullezzione di Phoebe Filo per Celine SS2016. È chì saria statu bè se Sabato de Sarno hà piazzatu tutti questi riferimenti ind'è un cuncettu uriginale di u so propiu, trasfurmatu à traversu una sorta di a so propria visione, è l'incrustò in a so propria estetica. Ma ancu s'ellu hà certe cumpetenze, nantu à quale a so carriera hè stata chjaramente basata, ùn hà micca visione è micca idea di Gucci cum'è una marca di moda di punta.

Allora, chì avemu quì? Ci hè un inseme di clichés di moda, in u quale pudete truvà tutte e tendenzi attuali, assemblati è disposti abbastanza bè. Ci hè un sguardu sleek piuttostu emasculated chì pare un tentativu di eliminà Michele è rinvivisce Ford. Ci hè una paleta di culori stabilita è abbastanza spettaculare cù una predominanza di culori rossi, verdi, terracotti è funghi saturati. In tuttu, ci hè una cullizzioni cummerciale profondamente derivata, ma ben custituita, in quale Gucci mette senza dubbitu grandi speranze cummerciale - senza dubbitu, abbastanza legittimi. Tuttavia, ùn ci hè nunda in questa cullizzioni chì definisce a moda, ci dà una visione di noi stessi in u mondu d'oghje, catturà a nostra mente, è face i nostri cori saltà un battitu. Allora, forse, l'ambizione di Gucci ùn si estende cusì luntanu - o almenu ùn hè micca in questu mumentu. Forse a glamorizazione di u stilu annantu à a sustanza diventerà una nova realità di moda - ma s'ellu succede, speremu chì ùn sarà micca per longu.

 

Testu: Elena Stafyeva